Corso di formazione per i Dirigenti
in materia di sicurezza e salute 
nei luoghi di lavoro

ai sensi dell'accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011

9 e 15 novembre 2016 - orario 9.00-18.00
Sede: FONDAZIONE IDI, Piazza Duca D'Aosta 8, Milano

L'accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, recepito con intesa Confapi Federmanager del 22 dicembre 2011, in attuazione dell'articolo 37 del D.Lgs. 81/08, prevede uno specifico percorso formativo per i dirigenti in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro e ne definisce contenuti e durata.

Il percorso formativo, della durata minima di 16 ore, deve essere programmato e completato nell'arco di 12 mesi e si articola su quattro moduli, normativo, gestionale, tecnico e relazionale.

Le aziende devono adeguarsi agli obblighi formativi previsti dall'accordo Stato-Regioni entro 18 mesi dalla data di pubblicazione dell'accordo sulla Gazzetta Ufficiale, ossia entro la data del 11/07/2013.

In caso di nuova nomina il dirigente deve essere formato entro e non oltre 60 giorni dall'assunzione.

CONTENUTI

Modulo 1 - Giuridico Normativo

  • Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
  • Gli organi di vigilanza e le procedure ispettive
  • Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa
  • Delega di funzioni
  • La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
  • La "responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di personalità giuridica" ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.
  • I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti in edilizia

Modulo 2 - Gestione e organizzazione della sicurezza

  • Modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (articolo 30, D.Lgs. n. 81/08)
  • Gestione della documentazione tecnico amministrativa
  • Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione
  • Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze
  • Modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attività lavorative e in ordine all'adempimento degli obblighi previsti al comma 3 bis dell'art. 18 del D.Lgs. n. 81/08
  • Ruolo del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione

Modulo 3 - Individuazione e valutazione dei rischi

  • Criteri e strumenti per l'individuazione e la valutazione dei rischi
  • Il rischio da stress lavoro correlato
  • Il rischio ricollegabile alle differenze di genere, età, alla provenienza da altri paesi e alla tipologia contrattuale
  • Il rischio interferenziale e la gestione del rischio nello svolgimento dei lavori d'appalto
  • Le misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio
  • Le considerazioni degli infortuni mancanti e delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori e dei preposti
  • I dispositivi di protezione individuale
  • La sorveglianza sanitaria

Modulo 4 - Comunicazione, formazione e consultazione dei lavoratori

  • Competenze relazionali e consapevolezza del ruolo
  • Importanza strategica dell'informazione, della formazione e dell'addestramento quali strumenti di conoscenza della realtà aziendale
  • Tecniche di comunicazione
  • Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti
  • Consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
  • Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Al termine del corso previa frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione verrà effettuata una prova di verifica obbligatoria con colloquio o test, in alternativa tra loro. Tale prova è finalizzata a verificare le conoscenze relative alla normativa e le competenze tecnico-professionali acquisite in base ai contenuti del percorso formativo.

Al termine di ogni corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione valido ai sensi della normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro.

OBIETTIVI

Il corso consentirà ai partecipanti di migliorare la conoscenza del proprio ruolo, di comprenderne i limiti, di riconoscere le implicazioni legislative di cui tener conto, di sviluppare gli strumenti cognitivi ed operativi per l'assolvimento delle proprie funzioni.

DESTINATARI

Dirigenti, così come individuati e definiti dall'articolo 2 del D.Lgs. 81/2008 - "Dirigente: persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l'attività lavorativa e vigilando su di essa"

Docente: Ing. Fabrizio Nobile

Normativa di riferimento: Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, Accordo del 21 dicembre 2011, ai sensi dell'art. 37, comma 2 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81.

Il riconoscimento della formazione pregressa: non sono tenuti a frequentare i corsi di cui sopra i dirigenti che dimostrino di aver svolto alla data dell'11 gennaio 2012 una formazione con contenuti conformi all'art. 3 del DM 16/01/1997 o a quelli del Modulo A per ASPP e RSPP (Accordo Stato Regioni 26 gennaio 2006)

Portale realizzato da